L’adattatore Techart per usare le ottiche Canon EF sulla mirrorless medio formato Fujifilm GFX 50S

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

adattatore Techart  ottiche Canon EF  per Fujifilm GFX 50S

Le mirrorless sono fotocamere che stanno riscuotendo un incredibile successo, da un lato diventano sempre più performanti, dall’altro aumentano sempre di più gli accessori dedicati che ci permettono di utilizzare le ottiche reflex su questi nuovi corpi macchina. L’accessorio che vi mostriamo oggi è l’adattatore Techart per utilizzare le ottiche Canon EF sulla mirrorless medio formato Fujifilm GFX 50S.

L’adattatore EF-GFX di Techart mantiene autofocus, controllo del diaframma e stabilizzazione d’immagine degli obiettivi Canon sulla mirrorless Fuji, dai test effettuati dall’azienda i risultati sono buoni, ma aspettiamo prove indipendenti per avere la conferma. Techart sta lavorando per mantenere anche la modalità continua AF-C e per sfruttare le ottiche anche in ambito video. Seguiranno aggiornamenti del firmware che si potranno installare facilmente grazie alla Micro-USB integrata.

prosegui la lettura

L’adattatore Techart per usare le ottiche Canon EF sulla mirrorless medio formato Fujifilm GFX 50S pubblicato su Clickblog.it 23 settembre 2017 08:00.

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/BlqYEeEYsBA/adattatore-ottiche-canon-ef-mirrorless-fujifilm-gfx-50s

Leggi tutto

Siena Art Photo Travel Festival 2017

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

Il programma dei festival italiani di portata internazionale è pronto ad arricchirsi con la terza edizione del Siena Art Photo Travel Festival ed il suo calendario di incontri, corsi, tour ed appuntamenti espositivi, a partire da “Beyond the Lens” che porta le migliori foto selezionate tre le oltre 45mila immagini di 161 Paesi ricevute dal SIPA Contest 2017 (video), in mostra nell’ex distilleria “Lo Stellino”, dal 29 ottobre al 30 novembre 2017.

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/rPjg5QjWxJY/siena-art-photo-travel-festival-2017

Leggi tutto

Nuovi Zenfone 4, Asus punta tutto sul doppio sensore

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

Si è svolta a Roma, all’interno della nuvola di Fuksas, la presentazione europea dei nuovi Asus Zenfone 4: non è stato presentato un solo modello bensì cinque, tutti con doppia fotocamera, che si differenziano tra di loro per capacità della batteria, precisione della fotocamera e prezzo. Ma andiamo per gradi. Dal palco Jerry Shen, CEO Asus, chiosa: “Siamo davvero entusiasti, la nuova famiglia di Zenfone racchiude le più evolute funzionalità e la doppia fotocamera migliore che potessimo progettare”. Il nuovo corso passa per il nuovo sistema Pixel Master 4.0, che migliora la lettura della scena in condizioni di luce scarsa e gestisce la doppia fotocamera con sensore Sony IMX362: ma attenzione, non tutti i modelli hanno le stesse caratteristiche.

Zenfone 4 Pro
È senza dubbio il top di gamma. La fotocamera, stabilizzata otticamente, ha due sensori: il primo da 12 Mpxl, apertura f/1.7 (equivalente ad un 25mm) e un campo visivo di 83°; il secondo da 16 Mpxl con zoom ottico 2x e zoom elettronico 5x (equivalente ad un 50mm). Rispetto alla famiglia precedente di Zenfone qui i pixel sono più grandi e incamerano circa 8 volte più luce, inoltre il sensore è Dual Pixel per cui ogni singolo pixel è utilizzato per l’AF a rilevamento di fase. È in grado di registrare video in qualità 4K a 30 fps, stabilizzati otticamente a 3 assi. Il display è un Full HD Amoled da 5.5″ e 500 nits di luminosità rivestito in Corning Gorilla Glass; all’interno batte il nuovissimo processore Qualcomm Snapdragon 835 Octa core. Zenfone 4 Pro arriverà a breve sul mercato ad un prezzo di € 899.

Zenfone 4
Gradino sotto per il modello più basic che in comune con il Pro ha solo la possibilità di registrare video 4K stabilizzati. Nonostante anche lui sia dotato di una doppia fotocamera, cambiano i valori in gioco: il primo sensore è da 12 Mpxl con apertura f/1.8 (equivalente ad un 25mm) e campo visivo di 83°; il sencondo è da 9 Mpx con obiettivo grandangolare da 120° (equivalente ad un 12mm). Il display è un Full HD Super IPS con luminosità di 600 nits, anche lui rivestito in Corning Gorilla Glass. Il processore è sempre Octa core, ma è un Qualcomm Snapdragon 630. Zenfone 4 arriverà sul mercato ad un prezzo di € 499.

Zenfone 4 Selfie Pro
Qui entriamo in un nuovo segmento di prodotto pensato principalmente per i blogger, per chi ama i selfie o anche semplicemente per chi è solito eseguire dirette streaming. La doppia fotocamera è infatti quella frontale, identica a quella di Zenfone 4: sensore da 12 Mpxl con apertura f/1.8 (equivalente ad un 25mm) e campo visivo di 83° e sensore da 9 Mpx con obiettivo grandangolare da 120° (equivalente ad un 12mm). Anche la fotocamera posteriore, solitamente quella principale, non è però lasciata al caso e incorpora un sensore Sony da 16 Mpxl con campo visivo di 80° equivalente ad un 26mm. Condivide invece con l’altro modello Pro il display Amoled da 5.5″, ma non il processore che comunque è leggermente più performante di quello montato sul modello base: Qualcomm Snapdragon 625 Octa core. Zenfone Selfie Pro sarà disponibile ad un prezzo di € 399.

Zenfone 4 Selfie
Versione base del precedente, anche qui la fotocamera principale è quella anteriore: doppio sensore, uno da 20 Mpxl (attenzione, non Sony) con apertura f/2 (equivalente ad un 31mm) e uno da 8 Mpxl con obiettivo grandangolare da 120° (equivalente ad un 12mm). Anche qui la fotocamera posteriore è da 16 Mpxl (equivalente ad un 26mm). Il display è un IPS HD da 5.5″ con luminosità di 400 nits; downgrade anche del processore, sempre Octa core ma Qualcomm Snapdragon 430. Quando sarà distribuito in Italia, Zenfone Selfie avrà un prezzo di € 299.

Zenfone 4 Max
Ultimo ma non ultimo, il più economico della gamma che però ha nell’autonomia il suo punto di forza: ben 5000mAh, in grado di garantire ben 26 ore di navigazione in Wi-Fi o 22 ore di riproduzione video. Stesso processore di Zenfone 4 Selfie, ma diversa fotocamera: la doppia posteriore ha un sensore da 13 Mpxl con apertura f/2 e angolo di campo di 79° e un sensore da 9 Mpxl con obiettivo grandangolare con campo visivo di 120°. Coondivide con Zenfone 4 Selfie il display HD e il processore. Zenfone 4 Max sarà disponbibile ad un prezzo di € 279.

Fonte: http://www.fotografia.it/DettaglioNewsTecnica/20992/2017-09-22-nuovi-zenfone-4–asus-punta-tutto-sul-doppio-sensore.aspx

Leggi tutto

Gibellina 1968 – otto minuti dopo le tre con Giuseppe Iannello

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento



Giuseppe Iannello
Il Cretto e il vecchio paese, 2017, proiezione di immagine d’archivio sul Grande Cretto di Burri, stampa inkjet su carta Fine Art Hahnemuhle, cm 107×107



Giuseppe Iannello
San Rocco, 2017
proiezione di immagine d’archivio sul Grande Cretto di Burri, stampa inkjet su carta Fine Art Hahnemuhle, cm 80×80



Giuseppe Iannello
U simensaro, 2017
proiezione di immagine d’archivio sul Grande Cretto di Burri, stampa inkjet su carta Fine Art Hahnemuhle, cm 80×80



Giuseppe Iannello
Un matrimonio, 2017
proiezione di immagine d’archivio sul Grande Cretto di Burri, stampa inkjet su carta Fine Art Hahnemuhle, cm 80×80



Giuseppe Iannello
Via Cavour 1950, 2017
proiezione di immagine d’archivio sul Grande Cretto di Burri, stampa inkjet su carta Fine Art Hahnemuhle, cm 80×80



Giuseppe Iannello, Gibellina, 2017
proiezione di immagine d’archivio sul Grande Cretto di Burri, stampa inkjet su carta Fine Art Hahnemuhle, cm 80×80

Nella provincia Trapani e nel cuore della Sicilia, trasfigurata dal terremoto del Belice del 1968 e dagli interventi di ricostruzione che lo hanno seguito, Gibellina sembra destinata a soccombere ai ritmi dell’antica isola di Trinacria, dove Omero pasce il gregge del sole, mentre interessi meno epici ed edificanti alimentano Odissee, ben più lunghe e perigliose di quelle di Ulisse.

Uno spazio fisico e metaforico, ostaggio della memoria perduta del vecchio paesino arroccato su una vertiginosa pendenza dell’entroterra siculo sbriciolato dal sisma, quanto della mancanza di identità della nuova città museo, ricostruita a valle applicando modelli nordeuropei a simulacri di fantasie accademiche, con l’intervento di numerosi artisti di fama mondiale richiamati a colmare il vuoto di senso e funzione, da Mario Schifano e Arnaldo Pomodoro a Mimmo Paladino e Alberto Burri che ha dedicato la sua massima espressione di land art al Grande Cretto, usando il cemento per mappare le arterie e la memoria del vecchio paese sulla collina dove sorgeva.

prosegui la lettura

Gibellina 1968 – otto minuti dopo le tre con Giuseppe Iannello pubblicato su Clickblog.it 22 settembre 2017 09:56.

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/3RlHY9V6UX4/gibellina-1968-otto-minuti-dopo-le-tre-con-giuseppe-iannello

Leggi tutto

La Lomo’Instant Square diventa la prima fotocamera istantanea multiformato

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

La Lomo’Instant Square diventa multiformato, in seguito ai feedback e alle richieste degli utenti è stato aggiunto un prezioso accessorio che permette di usare la nuova fotocamera istantanea Lomography sia per scattare foto quadrate che rettangolari in versione mini. Lomography ha aggiunto il Dorso Instant Mini per la Lomo’Instant Square, un dorso compatto che si attacca sul retro e permette di scegliere se scattare con il formato Instax Square o con Instax Mini.

prosegui la lettura

La Lomo’Instant Square diventa la prima fotocamera istantanea multiformato pubblicato su Clickblog.it 22 settembre 2017 08:00.

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/nI46sPHlNlw/lomo-instant-square-multiformato

Leggi tutto

Addio ad Ata Kandó, è morta la fotografa ungherese simbolo del Novecento

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

È sempre un po’ triste conoscere un fotografo solo quando non c’è più, mi sono imbattuta nella notizia della morte di Ata Kandó e mi sono chiesta chi fosse, io non la conoscevo, ma probabilmente molti di voi si. Mi sono chiesta se riportare o no la notizia, ma la mia indecisione si è dileguata appena ho visto le sue fotografie, tra l’altro un piccolo estratto della sua immensa produzione. Ata Kandó è nata a Budapest nel 1913 da una famiglia ungherese di origini ebraica, è morta qualche giorno fa all’età di 103 anni, è stata una delle fotografe più importanti del 900 e si è occupata di fotografia sociale e fotografia di moda.

prosegui la lettura

Addio ad Ata Kandó, è morta la fotografa ungherese simbolo del Novecento pubblicato su Clickblog.it 21 settembre 2017 15:30.

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/qwWZbiULbMk/ata-kando-morta-fotografa-ungherese

Leggi tutto

Mustafa Sabbagh: mytho-maniac

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento



Mustafa Sabbagh, onore al nero _ untitled, 2014
stampa fotografica fine art su dibond, cm 100×100
ed. di 5 + 1 PA © Mustafa Sabbagh



Mustafa Sabbagh, voyeurismo _ untitled, 2017
stampa fotografica fine art su dibond, cm 60×60
ed. di 5 + 1 PA © Mustafa Sabbagh



Mustafa Sabbagh, chat room, frames da video, 2014, installazione audio/video, 2 video HD da flat monitor e videoproiettore LCD, color, loop ed. di 3 + 2 PA © Mustafa Sabbagh



Mustafa Sabbagh, anthro-pop-gonia [minotauro 2.0 + pigmalione 2.0], frames da video, 2015
installazione audio/video, 7 dittici video su 7 monitor DT-V 9”, HD, color, loop
ed. di 3 + 2 PA © Mustafa Sabbagh



Mustafa Sabbagh, anthro-pop-gonia [minotauro 2.0 + pigmalione 2.0], frames da video, 2015
installazione audio/video, 7 dittici video su 7 monitor DT-V 9”, HD, color, loop
ed. di 3 + 2 PA © Mustafa Sabbagh



Mustafa Sabbagh, anthro-pop-gonia [arianna 2.0 + leda 2.0], frames da video, 2015, installazione audio/video, 7 dittici video su 7 monitor DT-V 9”, HD, color, loop ed. di 3 + 2 PA © Mustafa Sabbagh



Mustafa Sabbath | mytho-maniac

Mentre l’iconografia diventa ostaggio delle patologie più narcisistiche del contemporaneo e il mito smarrisce simbologia e sacralità sotto l’epidermide dell’iconoclasma, Mustafa Sabbagh tratta la pelle come il tessuto pregiato della nostra umanità, imperfetta e sublime, liberandoci dell’insostenibilità leggerezza dell’effimero con la ruvida bellezza di un carnalità perturbante, capace di ferire, scuotendo torpori etici con l’urgenza di un comandamento. Non dimenticare!

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/NkAMbYQgCfM/mustafa-sabbagh-mytho-maniac

Leggi tutto

WORKSHOP FOTOGRAFICO: il carnevale barbaricino

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

Workshop Fotografico in Sardegna per il Carnevale Barbaricino – dal 10 al 12 FEBBRAIO 2018 – SARDEGNA

Docenti / Accompagnatori:

Simone Tramonte, (www.simonetramonte.it) e Marco Salvadori, (www.marcosalvadori.eu)

Giunto alla sua quarta edizione proponiamo nuovamente questo workshop fotografico in una nuova veste, in cui andremo alla scoperta di nuovi paesi, nuove maschere e nuovi riti ancestrali.

I comuni della Barbagia, regione montuosa della Sardegna, da secoli portano avanti delle tradizioni carnevalesche che sono rimaste immutate. Protagoniste sono le maschere inquietanti e personaggi grotteschi che portano scompiglio tra la folla.

L’estasi dionisiaca significa anzitutto il superamento della condizione umana, la scoperta della liberazione totale, il raggiungimento di una libertà e di una spontaneità inaccessibili.

Il Carnevale costituisce una delle ricorrenze più attese dalla popolazione che da sempre vi partecipa in maniera spontanea e s’identifica nella ricchezza culturale e nel profondo senso di appartenenza alla propria cultura.

Questi riti non celebrano solo antiche divinità, ma il ciclo di morte e rinascita della natura: in pratica la fine dell’inverno e l’inizio della stagione agricola. Grazie all’isolamento dei paesi della Barbagia, confinati tra le montagne, le varie tradizioni del Carnevale si sono preservate pressoché immutate nel corso dei secoli.

L’obiettivo di questo workshop è quello di entrare in questa dimensione, raccontando lo svolgersi di riti ancestrali che, nel loro ripetersi, trasformano l’ordinario in straordinario. Il workshop fotografico sarà incentrato su come si racconta una storia o un’atmosfera, sulla base delle scelte e dei sentimenti di ciascun partecipante, lo scopo è quello di creare una narrazione personale.

INFORMAZIONI GENERALI E COSTI

Costo del workshop: 380 EURO

Il costo del viaggio include:

Alloggio per 2 notti con sistemazione in camera doppia (supplemento singola 30€ a notte)
Servizio transfer da/per l’aeroporto di Cagliari e trasferimenti tra location
Assistenza per la durata totale del viaggio

Il costo del viaggio NON include:

Trasferimenti e pasti
Tutti gli extra e tutto ciò che non è specificato alla voce “Il costo del viaggio include”.

Partecipanti: Min 6 – Max 10

Termine ultimo per l’iscrizione: 20/01/2018

A chi si rivolge

L’obiettivo di questo workshop sarà entrare in questa dimensione, raccontando lo svolgersi di riti ancestrali che, nel loro ripetersi, trasformano l’ordinario in straordinario.

Il workshop sarà incentrato su come si racconta una storia o un’atmosfera, sulla base delle scelte e dei sentimenti di ciascun partecipante, lo scopo è quello di creare una narrazione personale. Il workshop è rivolto a chi ha una conoscenza fotografica di base e vuole vivere un’esperienza umana, per approfondire la propria ricerca e il proprio potenziale.

Programma

ITINERARIO DI VIAGGIO:

1° Giorno:

ore 09.30 – Appuntamento all’Aeroporto Elmas di Cagliari e trasferimento in Minivan per Lodine.
ore 13.30 – I partecipanti potranno iniziare a fotografare i preparativi, la vestizione delle maschere del carnevale lodinesu
ore 15:00 – Inizio della festa che proseguirà fino a sera inoltrata.
ore 19:30 – Trasferimento verso l’albergo (Ollolai)
ore 21:00 – Cena

2° Giorno:

ore 08.30 – Colazione e mattinata dedicata all’editing
ore 10.30 – Trasferimento in Minivan per Ula Tirso
ore 13.30 – I partecipanti potranno iniziare a fotografare i preparativi, la vestizione delle maschere tradizionali (S’Urtzu e Sos Bardianos)
ore 15:00 – Inizio della festa che proseguirà fino a sera inoltrata.
ore 19:30 – Trasferimento verso l’albergo (Ollolai)
ore 21:00 – Cena

3° Giorno:

ore 08.30 – Colazione e giornata dedicata all’editing, alla stesura e alla finalizzazione dei progetti
ore 14.00 – Presentazione progetti
ore 17:00 – Trasferimento in Minivan per l’Aeroporto Elmas di Cagliari

Come arrivare

Volo consigliato per i partecipanti in partenza da Roma (Attualmente volo A/R circa 70€):

ANDATA: Sabato 10 febbraio

Ryanair (FR4879) 08:20 Roma Ciampino – 09:30 Cagliari

RITORNO: Lunedì 12 febbraio

Ryanair (FR4801) 21:40 Cagliari – 22:50 Roma Ciampino

Modalità di iscrizione

Per informazioni sulle modalità di iscrizione e i tempi di pagamento contattaci utilizzando il form “Info & Prenotazioni” sul sito www.taophoto.it o scrivici a taophoto.info@gmail.com

Workshop Fotografico: il Carnevale Barbaricino

Fonte: http://www.photographers.it/view_news.php?id=10570

Leggi tutto

Instagram, i test con la nuova griglia da 4 foto

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

instagram griglia 4 foto

Instagram è in continua evoluzione, Mark Zuckerberg cerca di ottimizzare il suo social network, di renderlo sempre più accattivante e quindi appetibile per la pubblicità. L’ultima novità però ha fatto storcere il naso a parecchia gente, attualmente su alcuni profili è il prova una nuova visualizzazione con 4 foto per riga, invece delle tre attuali, quindi le griglie vengono formato da 4 fotografie, se ne visualizzano di più ma un po’ più piccoline.

Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/clickblog/it/~3/gGdaiCA3k4A/instagram-griglia-4-foto

Leggi tutto

Corso di reportage: sviluppo di un progetto fotografico

Category: Notizie sulla fotografia Comments: Nessun commento

Un corso di Fotografia per entrare nel mondo del Reportage e per creare un proprio Progetto Fotografico. CORSI DI FOTOGRAFIA A ROMA – 16 OTTOBRE – 12 MARZO 2018 – ROMA

Docenti: Simone Tramonte e Marco Salvadori

Il Corso è indirizzato a chi – avendo già acquisito le tecniche fotografiche di base – voglia approfondire le diverse potenzialità espressive del Reportage Fotografico ed i diversi linguaggi utili alla creazione di una narrazione mediante l’utilizzo di immagini fotografiche fornendo gli strumenti adatti ad avvicinarsi allo sviluppo di un proprio progetto dalla fase di ideazione, alla fase realizzativa, e di editing.

I partecipanti saranno guidati nel creare un progetto fotografico individuale o collettivo (proposto dal partecipante o assegnato da Tao Photo), allo scopo di completare un reportage di documentazione fotografica dall’impatto emotivo ed altamente coerente da un punto di vista narrativo, entro la fine del corso.

(c) Simone Tramonte – The Mystic Healers

In tutte le fasi gli allievi verranno supportati nel percorso di creazione del reportage, con suggerimenti e indicazioni attraverso una analisi critica puntuale del lavoro realizzato e attraverso l’assegnazione di esercizi volti a migliorare le proprie capacità fotografiche. Durante il corso saranno inoltre fornite indicazioni sull’importanza della gestione del proprio archivio fotografico e dell’intero flusso di lavoro attraverso delle overview di Lightroom.

Attraverso un percorso teorico e pratico i partecipanti, verranno guidati in un percorso di graduale accrescimento delle loro capacità espressive e di valutazione, per acquisire un bagaglio di conoscenze ed una metodologia di lavoro che gli consenta di ideare, realizzare ed editare i propri progetti fotografici.

Il Corso si svolgerà in 18 lezioni per un totale di 54 ore complessive.

A chi si rivolge

Il Corso è pensato per tutti i fotografi che hanno già acquisito competenze tecniche di base e desiderano mettere in pratica le proprie conoscenze relativamente alla realizzazione di un progetto fotografico documentaristico in tutte le sue fasi: l’ideazione, l’analisi, la fattibilità, lo shooting, e l’editing.

Programma

Il linguaggio fotografico: la tecnica e lo stile del reportage fotografico
Cifra stilistica e narrativa del racconto fotografico
Rafforzamento della cultura fotografica dei partecipanti, attraverso la visione e la discussione di reportage che hanno fatto la storia della fotografia
Le fasi necessarie alla realizzazione di un progetto fotografico
Requisiti narrativi e commerciali
Strumenti per l’acquisizione della progettualità
Pianificazione teorica, logistica e commerciale di un progetto
La gestione del proprio archivio fotografico ed il flusso di lavoro
Visione, analisi e verifica del progresso dei progetti, consentendo ai partecipanti di acquisire una metodologia di lavoro ed autonomia nello sviluppo dei propri futuri progetti

Come arrivare

Sala corsi: via Attilio Friggeri, 144 – Roma

Informazioni generali e costi

Inizio lezioni: 16 ottobre 2017
Fine lezioni: 12 marzo 2018

Luogo: Roma – Via Attilio Friggeri 144
Durata: 54 ore – 18 lezione in aula di 3 ore
Frequenza e Orario: settimanale – lunedì dalle 20 alle 23

Partecipanti: Min 6 – Max 12
Costo: 490€ rateizzabili (100€ all’iscrizione, 195€ all’inizio del corso, 195€ alla fine del primo mese)

Modalità di iscrizione

Per informazioni sulle modalità di iscrizione e i tempi di pagamento contattaci utilizzando il form “Info & Prenotazioni” sul sito www.taophoto.it o scrivici a taophoto.info@gmail.com

Fonte: http://www.photographers.it/view_news.php?id=10569

Leggi tutto
Pagina 1 di 512345